a capri

la verita’ e’ che dovrei avuto rimanere
dov’era mi’ cuore
li’, dove l’acqua era sempre blu
li’, dove l’aria sapeva di limoni
li’, dove volevo lanciarmi dal salto di tiberio
per finire fra le tue braccia

quando ho perso te,
ho perso me stessa.
volevo fare di piu’
non conoscendo che l’amore
vale sempre il massimo

non ti trovero’ mai in un altro –
come potrei?
la faccia, la voce, il ciuffo,
il labbro inferiore appartengono
sempre e soltanto a te.

e cosi’ ti lascio, finalmente.
non perche’ non ti amo piu’,
ma perche’ mi arrendo.
saro’ quella donna che
nell’eta’ avanzata parlera’
dell’amore che ha scappato.
e chiudendo gli occhi circondati
da tantissime rughe,
sorridera’ – perche’ almeno,
una volta, si e’ sentito amata.

2 comments

  1. Shawn Bird

    This is really beautiful! Google translator helped me with my rusty Italian. I particularly liked the sensory nature of the first stanza: i’, dove l’acqua era sempre blu / li’, dove l’aria sapeva di limoni / li’, dove volevo lanciarmi dal salto di tiberio / per finire fra le tue braccia. I could see lovers in Italia, gathered under lemon trees.

    I felt sad at the last stanza: quella donna che / nell’eta’ avanzata parlera’ / dell’amore che ha scappato. / e chiudendo gli occhi circondati / da tantissime rughe, / sorridera’ – perche’ almeno, / una volta, si e’ sentito amata. Hopefully, love will come again to this donna, and although it will be different, it will still be wonderful.
    🙂 Thanks for this!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s